Dybala alla Roma: l'argentino snobba gli azzurri ed apre uno scenario sconfortante sul futuro del Napoli

La decisione di Paulo Dybala di sposare il progetto della Roma piuttosto che quello del Napoli apre uno spiraglio preoccupante e sconfortante sul futuro della squadra partenopea.

Il fatto che l'argentino abbia snobbato gli azzurri ed abbia preferito andare in una squadra che non parteciperà alla Champions League 2022-2023, ma che evidentemente ha un planning nettamente più ambizioso della società di De Laurentiis, mette a nudo una dura realtà: il Napoli, ad oggi, non è una squadra appetibile. 

Sì, perché i partenopei, dopo le partenze di pilastri come Ospina, Koulibaly, Mertens ed Insigne non solo non si sono ancora mossi per sostituire degnamente alcune pedine, ma non appaiono neanche come una squadra competitiva che possa salire alla ribalta in Serie A (e in Europa, ma in misure più circoscritte). 

Il pericolo principale è che questo episodio possa aver dato il via ad un circolo vizioso in cui soltanto giocatori di un profilo minore possano scegliere il Napoli; in tal caso la squadra di mister Spalletti, qualora gli acquisti non dovessero rivelarsi validi, potrebbe tendere verso una parabola discendente che la vedrebbe fuori dalle Coppe europee, o comunque in lotta per competizioni minori (come, ad esempio, la Conference League). 

La piazza partenopea, abituata a tutt'altri risultati, trema e spera che le ultime settimane di mercato possano ribaltare una situazione che, ad oggi, è davvero disarmante.

Dislike non mi piace
1

Calciomercato

Le Opinioni

Serie A

Scroll to Top