Adl: "Manolas e James? Prima bisogna decidere come giocare. Dico grazie ad Albiol"

Aurelio De Laurentiis è intervenuto su vari aspetti quest'oggi, cominciando dalla nuova maglia azzurra per la stagione 2019/20: "Io e i miei figli Edoardo e Luigi abbiamo sempre cercato di ideare maglie innovative. Abbiamo inventato la mimetica ed altre cose che poi sono state seguite anche nel campo della moda. Quando si inventano cose innovative, non sempre si trovano le persone pronte ad abbracciarle . Il nuovo spaventa sempre un po'. I nostri tifosi però si sono estremamente evoluti, anche grazie al web e alla connessione che c'è nel mondo. Ora ci sono anche i tifosi del Napoli che vivono in Canada o negli USA tramite Amazon, su cui c'è stato un boom. Questi tifosi sono sempre di origini napoletane, portano sempre l'identità nel cuore. Il calcio è quella panacea che gli permette di convivere in luoghi complicati". Il presidente azzurro ringrazia Albiol che lascerà Napoli: "bbiamo accettato la sua richiesta perché glielo dovevamo, non possiamo sempre dire di no. Negli ultimi due anni voleva andare via, ma l'abbiamo convinto a restare, adesso non potevamo. Albiol, ti dico grazie, salutami la tua famiglia, so che per te sono stati anni importanti. Sono contento del tuo ritorno in patria. Abbiamo potuto cederlo perché l'anno scorso abbiamo fatto crescere Chiriches e Maksimovic accanto a Koulibaly, quindi staremmo a posto. Ma se vogliamo fare qualche passo in più possiamo farlo, ci stiamo provando e vediamo in che direzione andare". Sui possibili arrivi di Manolas e James Rodriguez: "Stiamo giocando su più tavoli per capire qual è il più giusto. on l'arrivo di Conte e con l'arrivo di Sarri, noi dobbiamo approfondire con Ancelotti, che è un maestro, che tipo di gioco fare. Perché ha ragione Arrigo Sacchi quando inneggia al gioco di Sarri che è un gioco stretto, che ti diverte, però bisogna secondo me capire che uno deve formare una squadra capace di giocare in tanti modi diversi. Gli avversari non sempre ti permettono di giocare il tuo gioco, anche se lo fa alla perfezione, come ha fatto Sarri al Napoli. Anche lo stesso Sarri in Inghilterra si è trovato in difficoltà perché i calciatori non erano abituati. Ha ragione Ancelotti quando dice che il modulo è una cosa che esiste, ma fino ad un certo punto".

Dislike non mi piace
0
  • Commenti

0 Comments:

Calciomercato

Le Opinioni

Serie A

Scroll to Top